venerdì 23 aprile 2010

Lezione di pianoforte n.5 - Tonalità e gradi




La scala musicale è una successione regolare di suoni. Questi suoni infatti per comporre una scala devono essere congiunti.

Una scala musicale, può essere suddivisa principalmente in due modi: il modo maggiore e quello minore.

Si ha una scala maggiore quando i suoni di quella determinata scala, producono al nostro orecchio, una sensazione di allegria e felicità.

Si ha invece una scala minore quando i suoni di quella determinata scala, producono al nostro orecchio, una sensazione di tristezza e malinconia.

Un esempio di scala maggiore è : Do Re Mi Fa Sol La Si Do , ottenendo così la scala di Do maggiore.

Tutte le scale maggiori, vengono formate attraverso la formula: 2Toni 1Semitono 3Toni 1Semitono.

Un esempio di scala minore è: La Si Do Re Mi Fa Sol La, ottenendo così la scala di La minore (naturale).

Tutte le scale minori, vengono formate attraverso la formula: 1Tono 1Semitono 2Toni 1Semitono 1Tono 1Semitono.

Abbiamo visto le scale in senso teorico, ora le vediamo in senso pratico.

Le scale musicali, sono composte da 8 note. Però noi abbiamo solo 5 dita per mano, e dobbiamo perciò capire come poterle gestire al meglio. Tempo fa, le scale musicali venivano eseguite suonando prima tutte le dita della mano (1,2,3,4,5) e poi continuando con le dita 4,5,4,5 ecc..

Questa diteggiatura però è risultata realmente scomoda, soprattutto quando si trattava di eseguire queste scale musicali in velocità. Così, si è deciso di introdurre il passaggio del pollice.

Questo metodo, consiste nel far passare il pollice al di sotto della mano, in questo modo la scala musicale acquisterà un carattere più fluido e scorrevole. La diteggiatura che si ottiene è la seguente: 1, 2, 3, 1, 2, 3, 4, 5 per la mano destra, mentre 5, 4, 3, 2, 1, 3, 2, 1 per la mano sinistra.

Per avere una scala musicale ancora più scorrevole, è bene ricordarsi di effettuare il passaggio del pollice non appena il pollice ha finito di suonare. In questo modo quest' ultimo sarà già pronto a dover risuonare quando toccherà a lui nuovamente.

10 commenti:

  1. Ho notato che la descrizione sia della scala maggiore che quella minore è erroneamente uguale:
    Si ha una scala maggiore quando i suoni di quella determinata scala, producono al nostro orecchio, una sensazione di allegria e felicità.

    Si ha invece una scala minore quando i suoni di quella determinata scala, producono al nostro orecchio, una sensazione di allegria e felicità.

    RispondiElimina
  2. Quindi la differenza tra le due scale quel'è?

    RispondiElimina
  3. Ho una bambina di 4 anni che ama il piano e sta facendo ritmica il nel prossimo anno comincia con lo strumento. le lezioni sono ottime pero troppo veloce.

    RispondiElimina
  4. Signora,si prenda un maestro privato,paga e vedra' che si sentirà molto realizzata!!!
    ....della serie...siamo sempre insoddisfatti e vogliamo che il "buon" Christian sia presente in ogni situazione..mi sembra che stiamo esagerando non Le pare?

    RispondiElimina
  5. Grazie mille per le OTTIME LEZIONI, troppo gentile.

    Per Anonimo2. Grazie per la difesa ma non c'e' bisogno. Queste lezioni sono difficili e sicuramente rivedremo queste lezioni con piu' calma in un futuro.

    RispondiElimina
  6. le lezioni sono esaustive...sono entusiasta per aver appreso nuove conoscenze in campo musicale..grazie per il linguaggio semplice e alla portata di tutti, in pochi giorni ho imparato tanto,la strada è lunga ma con il suo aiuto so che potrò imparare tanto!p.s. suonare o almeno provare a suonare il pianoforte è il mio sogno nel cassetto.Ancora grazie!!Giusy

    RispondiElimina
  7. ciao Christiam, mi chiamo Alessandro e sono di Trieste ho 46 anni e mi piacerbbe imparare a suonare il piano, ma non e' un po tardi per me? Comunque le tue lezioni sono molto belle e chiare , vorrei comprarmi il piano digitale per cominciare cosa mi consigli?
    Grazie Alessandro

    RispondiElimina
  8. Ciao Alessandro! Figurati! Non è mai troppo tardi! Grazie mille per il complimenti! Allora io ti consiglio di stare sulla Yamaha o sui Roland..in ogni modo ti consiglio di dare una lettura a questo manuale :) : http://www.lulu.com/product/ebook/come-scegliere-il-pianoforte/15308944

    RispondiElimina
  9. Ciao Cristian. Ho una domanda su questa lezione: potresti inserire anche un esempio di scala minore, così come hai fatto per la maggiore? Vorrei essere certa di avere compreso. Intendo una rappresentazione sul pentagramma. Sarebbe rassicurante per i first beginners come me :-) Grazie
    Marta

    RispondiElimina