lunedì 10 maggio 2010

Come suonare le musiche da discoteca al pianoforte



Per suonare musica House, commerciale e tecno al pianoforte, disponiamo di alcuni trucchetti che come hai potuto vedere nel video sono:

  • Le ottave ribattute
  • Le ottave spezzate
  • Le ottave spezzate con la nota più acuta ribattuta

Le ottave ribattute le si hanno quando, con la mano sinistra, si eseguono con un ritmo piuttosto lento due note distanziate fra di loro di un'ottava. Per sempio do+Do.

Le ottave spezzate le si hanno quando si suonano due note consecutivamente distanziate di un'ottava ma in successione e non contemporaneamente (ovvero succede l'inverso di quello che succede nelle ottave ribattute).

Le ottave spezzate con la nota più acuta ribattuta è una tecnica che si può utilizzare solo con un pianoforte a coda. Questa tecnica consiste nel suonare delle ottave spezzate partendo dal basso, e ripetere la nota più acuta 4 volte con l'alternarsi dell'indice e del pollice (ovviamente si intende sempe la man o sinistra).

5 commenti:

  1. ho guardato una ventina di lezioni, partendo già dalla sensazione che fossi un bravissimo insegnante e una persona umile considerato il tuo altissimo livello: è ammirevole che uno che ha passato tanto tempo a studiare metta a disposizione il suo sapere gratis, e per questo ti auguro di vendere tanti libri e di trarne qualche profitto. Ma il clou è stato quando ho trovato questa lezione di piano house: qui ho davvero capito che al di là dei tuoi gusti hai veramente piacere a condividere con tutti, senza "razzismi" musicali. Io personalmente preferisco un bel pezzo house o tecno a uno di Allevi che mi sembra il kitsch applicato al pianoforte (ma dopo Nyman, a Giovà, che vuoi fare? tagliati i capelli piuttosto..). Ci tengo a dire che questi commenti vengono da uno che è cresciuto a anche a musica classica e progressive rock allo stesso tempo, quindi il mio non è un giudizio di parte, cioè non è che la house sia il mio genere. Oggi suono con un gruppo mio, roba pop e scarsi risultati, ma proprio suonando ho capito che la musica non è esibizione ma condivisione. Per questo ribadisco tutti i miei complimenti a Christian Salerno e gli auguro un grande successo. Davvero grande, grazie di tutto quello che fai.

    RispondiElimina
  2. Ciao Anonimo,

    peccato che non hai lasciato un tuo nome in modo tale da poterti ringraziare per nome :) . In ogni modo il tuo commento mi ha veramente commosso!! ti ringrazio di cuore per quello che hai scritto e sono felice che apprezzi quello che faccio, sai alcuni non la pensano come te ma..non si può sempre piacere a tutti :)

    Comunque non sono così bravo come credi, c'è gente molto più esperta e preparata di me, ma come hai notato tu, io condivido con piacere quello che so, a differenza di altri che tengono tutto per se (e mi fa piacere che tu abbia notato questo!).

    Soprattutto non sono uno di quei classici che ritiene che solo la classica sia la migliore, di quà e di là. La classica da le basi per fare tante belle cose, come queste del video per esempio! Alcuni credono addirittura che sia dissacrante utilizzare il pianoforte per fare questo, ma io credo invece che questo significa solo "sfruttare il pianoforte" in tutte le sue potenzialità possibili.

    Grazie ancora,

    un saluto caro Anonimo,

    Christian

    RispondiElimina
  3. Ciao, potresti indicare le note della melodia Blue degli Eiffel 65? Riesco a fare l'accompagnamento ma mi incarto sulle note (quelle che troverei sulla linea melodica, per intenderci).. Grazie!
    Complimenti per l'ottimo ed efficacissimo lavoro!

    RispondiElimina
  4. Ciao Anonimo! sarebebe una faticaccia trascrivere le note per me, prova a trovarle ad orecchio, è un buon allenamento di sicuro! ;)

    Christian

    RispondiElimina
  5. Ehm... non intendevo la partitura, soltanto le note (per es. do, mi, fa, sol, re, non intendevo trascritte con durata e pause su pentagramma!).
    Grazie comunque, è solo che ad orecchio sono decisamente una frana..

    RispondiElimina